leStrade web

logo fiaccola                     Facebook  Twitter  Google  Pinterest                          cookie policy

Banner Volvo CE

A+ A A-

Le strade sicure portano a Roma

  • Pubblicato in Attualità

Il Safety Day si è svolto a Roma il 29 settembre 2016. Si è trattato di un meeting internazionale organizzato da AIPCR Italia e Anas presso l’Auditorium di via Rieti dal titolo: “Road Safety Towards New Solutions: Challenging Policies and Opportunities from New Technologies”.

Il programma ha previsto una serie di interventi aventi ciascuno un differente approccio alla sicurezza stradale. Da quello istituzionale a quello tecnico con gli esperti italiani del settore privato e pubblico, al mondo dei media.

roadsafetyLe nuove tecnologie e il loro influsso sulle politiche nazionali di sicurezza stradale hanno rappresentato il fulcro dell’evento, che ha visto confrontarsi le esperienze e le best practice di diversi Paesi rappresentati dai membri del Comitato tecnico Internazionale dell’AIPCR per le politiche e i programmi nazionali di sicurezza stradale. Ricordiamo che per il ciclo 2016-2019 dei lavori AIPCR, a guidare il Comitato C2 internazionale, qui citato, è stato chiamato l’ing. Roberto Arditi, più volte autorevole firma anche per leStrade, che già ricopre analogo ruolo nel comitato “specchio” italiano.

Il meeting è stato anche trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook di AIPCR Italia.

Proprio la rivista leStrade, che è stata distribuita tra i materiali del meeting, ha dedicato all’evento uno speciale in italiano e inglese sul numero di Luglio, il cui sfogliabile trovate anche in questo sito nella sezione Archivio (clicca qui per andare alla sezione Archivio, annata 2016)

Sul prossimo numero di leStrade ottobre pubblicheremo un primo resoconto di questa importante iniziativa.

www.aipcr.it

 

 

Leggi tutto...

Concorso AIPCR per le Università

  • Pubblicato in Attualità

di Leonardo Annese

A quattro anni dal Concorso Maggiorotti del 2010, l’AIPCR rinnova il proprio impegno per lo stimolo alla divulgazione della materia stradale e quello per un apporto all’inserimento dei neo-laureati nel mondo del lavoro bandendo un nuovo concorso chiamato “AIPCR per le Università d’Italia 2014”. Il Concorso premierà le tesi di laurea discusse negli anni 2013-2014 aventi come oggetto i temi strategici dell’AIPCR e offrirà ai vincitori un periodo di stage presso i principali soci collettivi dell’Associazione. Il periodo di stage costituirà un primo approccio dei neolaureati al mondo del lavoro proprio in quei settori in cui hanno rivolto il proprio interesse nel corso di laurea. Tutte le Università italiane, pubbliche e private, sono state coinvolte nel progetto e proporranno esse stesse ai loro studenti nelle facoltà di Ingegneria, Economia e Commercio, Architettura e Giurisprudenza l’iniziativa offerta dall’AIPCR.

Il Concorso, il cui bando di gara ed il regolamento di partecipazione è disponibile sul sito dell’Associazione www.aipcr.it, si rivolge a coloro che hanno presentato e discusso la tesi di laurea nel periodo dal 1° gennaio 2013 al 31 luglio 2014 lasciando così la possibilità ai giovani di scegliere temi di interesse dell’Associazione. I vincitori avranno anche la possibilità di pubblicare un estratto del proprio lavoro sulla rivista leStrade nonché sul sito Internet dell’Associazione. Le tesi vincitrici potranno, una volta tradotte in inglese e/o francese, trovare spazio anche sulla rivista internazionale dell’Associazione Routes/Roads che viene letta da tutti i soci dei 144 Paesi che fanno parte dell’AIPCR.

logoaipcrPerché seguire l’AIPCR? Prima di tutto l’AIPCR offre ai soci il proprio bagaglio di conoscenze nel campo stradale con le sue pubblicazioni e tutti i “quaderni” tecnici che vengono prodotti dai Comitati nazionali e internazionali. Il confronto con le realtà di altri Paesi, di tutti i continenti, è senz’altro il punto di forza ed il valore della partecipazione all’Associazione.

Per questo motivo a tutti i partecipanti ammessi al Concorso verrà offerto uno sconto del 50% sull’abbonamento annuale all’Associazione, mentre i quattro vincitori potranno godere di un abbonamento annuale gratuito sia all’Associazione sia a leStrade. Le domande di iscrizione al Concorso dovrà essere trasmessa entro il 30 giugno 2014 e gli elaborati definitivi presentati entro il 10 settembre.

La premiazione dei vincitori avverrà nel contesto del prossimo Convegno Nazionale AIPCR che si terrà a Roma il prossimo novembre 2014. Proprio il Convegno Nazionale (che si tiene ogni quattro anni) è la base per il lavoro che l’Associazione porterà a Seoul in occasione del Congresso Mondiale del 2015. In quella sede tutte le realtà AIPCR mondiali si potranno confrontare e ciascuna presenterà il meglio della propria produzione tecnica nel campo stradale. Come immaginare un’occasione migliore per avvicinarsi a tutti gli esperti mondiali del settore? Per i neolaureati, l’AIPCR costituisce un’occasione unica, non solo per avvicinarsi al mondo del lavoro ma per entrare in contatto con colleghi di altri Paesi, prendere contatti e confrontare le proprie esperienze.

In occasione del Concorso, l’AIPCR sta procedendo all’ammodernamento radicale del proprio sito. È un lavoro a cui l’Associazione sta dedicando grandi energie e risorse che porterà presto a un prodotto di altissimo livello non solo per i contenuti ma anche per la possibilità di interazione con gli organi tecnici dell’Associazione nonché con gli altri membri. I nuovi strumenti che oggi offre l’informatica saranno messi a frutto nel nuovo sito che presto sarà disponibile. L’AIPCR auspica la massima partecipazione al Concorso e augura di poter essere di aiuto e supporto a tutti coloro che fanno della “strada” il centro del loro interesse non solo didattico ma anche lavorativo.

Scarica il bando

Scarica la locandina

 

Leggi tutto...

La World Road Association applaude l'Italia

  • Pubblicato in Attualità

Il presidente dell'Associazione Mondiale della Strada, il messicano Oscar De Buen, ha espresso forte apprezzamento per l'impegno dell'Italia per il completamento della nuova autostrada Salerno-Reggio Calabria e per il piano di manutenzione straordinaria di ponti, viadotti e gallerie che l'Anas sta portando avanti a pieno ritmo. L'occasione di queste dichiarazioni è stata la riunione a Roma degli organi internazionali della World Road Association (Aipcr), la maggiore organizzazione governativa nel settore della strada, che comprende ben 120 Paesi del mondo. L'Italia ha ospitato questo importante evento nella prestigiosa sede dell'Alta scuola di formazione della Polizia di Stato, in occasione del centesimo anniversario della partecipazione italiana all'associazione.

sareggio2Il presidente dell'Anas Pietro Ciucci, da parte sua, ha portato ai delegati di tutto il mondo il saluto del Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Maurizio Lupi. "L'Italia - ha detto - nonostante la difficile congiuntura economica internazionale di questi ultimi anni, sta portando avanti opere di grande rilievo come la nuova autostrada Salerno Reggio Calabria: entro la fine del 2013 l'80 per cento dei 443 km sarà completato". "Il grande piano per la manutenzione straordinaria di ponti e gallerie - ha continuato Ciucci - dimostra l'attenzione del nostro Paese non solo per la realizzazione di nuove opere ma anche per la cura di quelle esistenti: un'attenzione che ha riscosso in questi giorni notevoli apprezzamenti a livello internazionale, tanto che l'Italia è stata indicata da molti Paesi come un esempio da seguire".

www.stradeanas.it

www.aipcr.it

 

Leggi tutto...

Viabilità invernale, leStrade partecipa ad Andorra 2014

  • Pubblicato in Attualità

Un appuntamento internazionale da non perdere, per il settore, scalda i motori. è in pieno fermento, infatti, il “cantiere” del XIV Congresso Internazionale della Viabilità Invernale AIPCR (Associazione Mondiale della Strada) che si terrà ad Andorra, sui Pirenei, dal 4 al 7 febbraio 2014. Un numero particolarmente ricco della rivista leStrade, che da anni collabora con l’AIPCR, in occasione dell’evento verrà tra l’altro distribuito presso lo stand italiano (Padiglioni R5, S5, T5, U5). Come dire: il “cantiere Andorra” è aperto e marcia a pieni giri anche sul fronte della divulgazione tecnica.

and2L’AIPCR, ricordiamolo, è un’associazione che ha il fine di contribuire allo sviluppo delle tecnologie stradali e alla gestione della viabilità attraverso lo scambio di informazioni ed esperienze a livello mondiale. Al Congresso di Andorra parteciperanno i governi di 120 Paesi aderente, tra i quali l’Italia che proprio quest’anno celebra il suo centenario di partecipazione all’associazione.

Conciliare sicurezza stradale e sviluppo sostenibile con i cambiamenti climatici e la crisi economica”, questo il main topic dell’evento di Andorra che, oltre alla sessione congressuale, vedrà la presenza, come anticipato, di un’area espositiva con la rappresentanza italiana (Comitato Nazionale Italiano AIPCR) tra i protagonisti. 

andorra3Un’attenzione particolare - spiega Domenico Crocco, segretario generale AIPCR per l’Italia – verrà dedicata alle gallerie stradali in inverno, una focalizzazione che coincide con la specifica attenzione che il Governo italiano sta attualmente ponendo al tema della manutenzione di infrastrutture quali ponti, viadotti e, per l’appunto, gallerie. In questa ottica, è stato predisposto un Piano strategico che, seppure in un momento di crisi economica globale, assegna specifiche e significative risorse alla manutenzione di queste opere d’arte”.

Nello specifico - continua Crocco - allo stand saranno presentate alcune soluzioni innovative attualmente in corso di valutazione da parte dei massimi organi tecnici italiani (sistema di spegnimento incendi con monitor elettrici telecomandati, sistema attivo di spegnimento incendi del tipo acqua-schiumogeno, stazioni SOS con fonia tipo GSM, sistema di drenaggio di tipo attivo con impianto di aspirazione), che possono essere esportate nel mondo come esempio di eccellenza italiana”.

Una sezione speciale Andorra 2014 dedicata ai temi della viabilità invernale e alle infrastrutture in alta quota sarà pubblicata sul numero di leStrade dicembre 2013 che sarà in distribuzione al Congresso Aipcr

www.aipcrandorra2014.org

www.aipcr.it

 

Leggi tutto...

Unione europea, prove di network per le energie pulite

  • Pubblicato in Magazine

Passi avanti a Bruxelles per il pacchetto “Clean power for transport”, il programma europeo attualmente all’attenzione del Consiglio Ue ideato per dare slancio ai rifornimenti alternativi attraverso lo sviluppo di una rete distributiva adeguata

di Domenico Crocco, segretario generale Aipcr Italia

Entra nel vivo la questione "Clean power for transport", dal titolo del pacchetto che il 25 gennaio 2013 la Commissione Europea ha trasmesso al Consiglio dell’Unione europea. Il pacchetto, composto da una Direttiva e due comunicazioni, ha come oggetto la progressiva emancipazione energetica dell’Ue dal petrolio nel settore dei trasporti e il contestuale sviluppo di combustibili alternativi, anche attraverso la creazione delle necessarie infrastrutture per la distribuzione di carburanti alternativi. Questo permetterebbe economie sui costi delle importazioni petrolifere nell’ordine di 4,2 miliardi di euro l’anno entro il 2020, economie che aumenterebbero a 9,3 miliardi di euro l’anno nel 2030, più un ulteriore miliardo l’anno dovuto al contenimento degli aumenti di prezzo.

idrogenoLa Direttiva, sulla scia degli obiettivi indicati nel Libro Bianco dei Trasporti, relativamente alla necessità di riduzione del 60% delle emissioni di gas serra nel settore dei trasporti entro il 2050, indica le principali opzioni in materia di combustibili alternativi che possono essere individuate nell’elettricità, nell’idrogeno, nei biocarburanti e nel gas naturale, in forma di gas naturale compresso (GNC), gas naturale liquefatto (GNL), gas naturale in prodotti liquidi (GTL) e gas petrolio liquefatto (GPL). La proposta di Direttiva stabilisce le basi per l’elaborazione di quadri strategici nazionali al fine di promuovere la diffusione sul mercato di combustibili alternativi creando l’infrastruttura minima necessaria per la distribuzione degli stessi, sulla base di specifiche tecniche comuni. L’intero pacchetto “Clean power for transport” rileva, infatti, che, tra le cause della scarsa diffusione dei combustibili alternativi devono annoverarsi principalmente tre fattori.

Il primo è la mancanza di una rete infrastrutturale in grado di fornire punti di rifornimento sufficienti a garantire un’effettiva mobilità all’interno dei singoli Paesi. Il secondo va ricercato nella frammentazione nazionale delle specifiche tecniche delle infrastrutture stesse. Il terzo nella mancata fiducia dell’utenza nei confronti dei combustibili alternativi derivante dai punti precedentemente espressi.

La proposta di Direttiva, con i suoi 13 articoli (scarica il testo), stabilisce, nell’articolo 1, la necessità di creare le suddette infrastrutture secondo standard comuni per tutta l’Unione; nell’articolo 3, la necessità di creare quadri strategici nazionali per lo sviluppo dei combustibili alternativi. Scorrendo nel dettaglio la proposta, nell’articolo 4 vengono fissati i requisiti relativi al numero minimo di punti di ricarica per i veicoli elettrici di cui ciascuno stato membro si deve dotare; per l’Italia al 31 dicembre 2020 dovranno essere non meno di 1.255.000, di cui almeno il 10% accessibile a tutti.

elettrico2Nell’articolo 5, la Direttiva impone la creazione, entro il 31 dicembre 2020, di un numero sufficiente di punti di rifornimento per l’idrogeno accessibili a tutti, posizionati ad una distanza non superiore di 300 km l’uno dall’altro. L’articolo 6, entro la stessa data, stabilisce la necessità di creare punti di rifornimento per gas naturale compresso a distanza non superiore a 150 km l’uno dall’altro. L’articolo 7 definisce gli elementi comuni delle informazioni destinate ai consumatori in materia di combustibili e di compatibilità con i veicoli. L’articolo 10 impone la presentazione, con cadenza biennale, di una relazione da parte degli stati membri, alla Commissione, sullo stato del quadro normativo e sulle misure strategiche poste in essere a sostegno della realizzazione delle infrastrutture.

Un approfondimento sul pacchetto "Clean power for transport" e, in particolare, sulla posizione italiana sarà pubblicato su uno dei prossimi numeri di leStrade

Leggi tutto...

Un secolo di Italia nell'Aipcr

  • Pubblicato in Attualità

Compie un secolo la partecipazione italiana all’Associazione mondiale della strada. Il 15 aprile 1913, infatti, l’Ambasciatore italiano a Parigi, a nome del nostro Governo italiano, con lettera autografa (si veda il campione di questa pagina web), comunicò l’adesione del Governo all’Aipcr. È un traguardo storico, soprattutto per il contributo e il supporto che l’Italia ha dato nell’arco di questo secolo di Associazione, pensiamo per esempi all’organizzazione del Congresso della Viabilità Invernale di Torino 2006.

Leggi tutto...

L’Aipcr conferma Ciucci alla presidenza

  • Pubblicato in Attualità

Si è tenuta l’8 luglio, presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, la riunione del Comitato Nazionale dell’Associazione Mondiale della Strada (Aipcr) che ha confermato Pietro Ciucci, amministratore unico dell’Anas, alla presidenza del Comitato nazionale Italiano. Il comitato ha anche provveduto alle altre nomine: vice presidenti Paolo Signorini, capo dipartimento infrastrutture MIT e Massimo Schintu, direttore generale di Aiscat, e segretario Domenico Crocco, dirigente Anas.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
doto vuoto

Login or Register

LOG IN

Register

Registrazione utente